Prossimo corso

Prossimo corso
6 giornate di formazione di eccellenza

criminologia.academy

Offender Profiling, Behavioral Crime Linking, Geographical Profiling
24 e 25 settembre 2022

Offender Profiling
Introduzione al criminal profiling
Metodi e tecniche per predire le caratteristiche dell’autore sconosciuto di un reato (approccio FBI vs approccio empirico)
Panoramica della ricerca empirica sul criminal profiling
Casi studio

Behavioral Crime Linking
L'applicazione della psicologia della personalità nel collegamento dei crimini
La consistenza comportamentali negli aggressori seriali
Le tecniche per collegare casi di stupro attraverso l'analisi del modus operandi
Panoramica della ricerca empirica sul criminal profiling
Casi studio

Geographical Profiling
Le routine Journey-to-crime (Jtc) e Bayesian Jtc per tentare di di identificare il luogo di origine (residenza) dell'autore del reato.
La routine Correlated Walk Analysis (CWA), per prevedere dove e quando l'autore del reato commetterà il suo prossimo crimine.
Il modello Crime Travel Demand per il crme mapping nelle cittàLa routine Correlated Walk Analysis (CWA), per prevedere dove e quando l'autore del reato commetterà il suo prossimo crimine.
Il modello Crime Travel Demand per il crme mapping nelle città

 

criminologia.academy

Crimini sessuali (teorie eziologiche, risk assessment e trattamento). Tecniche di interrogatorio e intervista investigativa. L'intervista al minore presunto abusato.
22 e 23 ottobre 2022

criminologia.academy

Crimini sessuali
Teorie eziologiche del comportamento sessuale aggressivo.
Strumenti per la predizione del rischio di recidiva.
Protocolli per il trattamento degli autori di reati sessuali.

L'interrogatorio del sospettato
L'approccio cognitivo al lie detection
Statement Validity Assessment (SVA), Reality Monitoring (RM) e Scientific Content Analysis (SCAN)
Come discriminare le intezioni vere da quelle false
Panoramica della ricerca empirica
Sviluppi futuri

Le tecniche di interrogatorio del sospettato.
L'uso strategico della prova nell'interrogatorio (SUE tecnique).
La tecnica Scharff per ottenere informazioni da un sospettato.
Come discriminare le intezioni vere da quelle false.
Futuri sviluppi.
Metodi psicofisiologici per scoprire le menzogne.
I paramentri che si misurano nei metodi psicofisiologici.
Scientificità e accuratezza dei metodi psicofisiologici.
L'applicazione sul campo dei metodi psicofisiologici.

La psicologia della testimonianza
I fattori che influenzano la testimonianza oculare: etnicity group effect, weapon focus, la distanza, lo stress.
Come condurre correttamente la procedura di ricognizione di persona: line up simultaneo vs line up sequenziale.
Come i ricordi possono essere cambiati dalle cose che ci vengono raccontate.
Fatti, idee, suggerimenti e altre informazioni post-evento possono modificare i nostri ricordi.
La memoria degli eventi traumatici.
Il fenomeno delle memorie di presunti abusi che riemergono durante una psicoterapia.

L'interrogatorio dei minori presunti autori di reato. Le false confessioni.

Le false confessioni dei minori accusati di reati.
Il disvelamento e la ritrattazione delle accuse di maltrattamento da parte dei  minori.
Differenze individuali nella memoria e nella suggestionabilità dei bambini.
Fattori che influenzano l'onestà dei bambini.

Come intervistare un minore presunto abusato
Le conoscenze sullo sviluppo del bambino e il contesto forense.
L'influenza delle capacità di memoria, linguaggio e attenzione sull'intervista con un bambino; Il linguaggio usato dall'intervistatore.
La suggestionabilità dei bambini. Come intervistare i bambini correttamente: l'impiego del protocollo NICHD.
I processi cognitivi della memoria dei bambini
Il ruolo giocato dalla memoria, dall'attenzione e dal linguaggio nei bambini vittime di presunti abusi sessuali. Come intervistare i bambini vittime di abusi sessuali ripetuti con il protocollo NICHD.
Le risposte "non lo so" fornite dai bambini presunti abusati.


Geni, cervello, mente e crimine
26 e 27 novembre 2022

Genetica e comportamento criminale

Il contributo delle ricerche genetiche nella spiegazione del crimine.
L'ereditabilità del comportamento antisociale.
Il ruolo del genotipo nel ciclo della violenza nel bambino maltrattato.

Le radici biologiche del crimine

Ricerca sull'imaging cerebrale sulla psicopatia.
Neurocriminologia: implicazioni per sulla pena, risk assessment e trattamento nei giovani e negli adulti.
Fattori biologici che proteggono un individuo predisposto dal diventare criminale.
Frequenza cardiaca e comportamento antisociale: il ruolo di mediazione del impulsive sensation seeking.

Il comportamento antisociale persistente

Le origini del comportamento antisociale. Le conseguenze neurocognitive del maltrattamento infantile e quanto questo contribuisce in modo significativo al comportamento antisociale.
Il brain imaging e la genotipizzazione per studiare i percorsi di sviluppo del comportamento antisociale persistente.

Malattia mentale e comportamento violento

La relazione tra malattina mentale e crimini violenti.
Strumenti per la previsione del comportamento violento.
La prevenzione del comportamento violento e del suicidio nei soggetti con disturbi mentali.

La psicopatia e il crimine

Cos'è la psicopatia.
Il rapporto fra la psicopatia e il comportamento criminale.
Gli strumenti per la valutazione della psicopatia: stato dell'arte e futuri sviluppi.

criminologia.academy
<p><strong>Costo: 600 euro più IVA (22%) </strong></p>

<p><strong>50 crediti ECM inclusi</strong></p>

<p><a href=info@criminologia.academy

 

">

Costo: 600 euro più IVA (22%)

50 crediti ECM inclusi

info@criminologia.academy

 

<p><strong>Costo: 600 euro più IVA (22%) </strong></p>

<p><strong>50 crediti ECM inclusi</strong></p>

<p><a href=info@criminologia.academy

 

">

Costo: 600 euro più IVA (22%)

50 crediti ECM inclusi

info@criminologia.academy